Ricerca Internazionale

Salta menu Navigazione principale Salta il Motore di Ricerca Interno

Ricerca Spaziale

Lo spazio rappresenta un settore fondamentale  con profonde ricadute nello sviluppo delle economie e nella crescita delle nazioni e del nostro Paese, non manifestandosi più solo come uno straordinario settore della ricerca, bensì concretizzandosi come  un'importante opportunità economica, quale ad esempio quella fornita dal mercato delle telecomunicazioni e della navigazione satellitare.
Il Ministero dell'Università e della Ricerca interviene in questo ambito attraverso il finanziamento dei programmi e la vigilanza svolta sull'Agenzia Spaziale Italiana, ente pubblico nazionale nato nel 1988 con l'obiettivo di definire, in linea con gli indirizzi governativi, ed implementare la politica spaziale nazionale, rivolgendosi sia al settore della ricerca sia a quello industriale.
L'azione di indirizzo ministeriale sui programmi spaziali implementati dall'ASI si esplica attraverso l'approvazione del Piano Triennale di Attività (PTA) dell'Agenzia e la valutazione preventiva del Documento di Visione Strategia (DVS) decennale.  
Attraverso l'ASI, in campo internazionale, l'Italia ha oggi un ruolo di primo piano tanto a livello europeo, dove è il terzo paese contributore presso l'Agenzia Spaziale Europea (ESA), quanto a livello mondiale, grazie alla stretta collaborazione con la NASA, con la quale partecipa a molte delle più interessanti missioni scientifiche degli ultimi anni, ad esempio la Stazione Spaziale Internazionale.
Ulteriormente, nell'osservazione della Terra, l'Italia, attraverso gli investimenti realizzati dall'ASI nel sistema  Cosmo Sky-Med è all'avanguardia per prevedere e prevenire - ad esempio - disastri ambientali, assicurare rapidi interventi nelle aree di crisi, misurare gli effetti del cambiamento climatico e così via.
Inoltre, l'industria italiana, sempre attraverso l'ASI, continua anche una tradizione di ricerca nella propulsione spaziale, in particolare come leader del programma europeo VEGA, il piccolo lanciatore di progettazione italiana.
In ambito comunitario è importante sottolineare che il 7°PQ di RST & D dedica per la prima volta un capitolo a sé al settore spaziale, a riprova della crescente importanza che la UE attribuisce alla materia e ad un suo ruolo indipendente nello spazio. In tale direzione si muovono anche il progetto GMES (Global Monitoring for Environment and Security), che  consentirà di utilizzare le osservazioni dallo spazio per prevenire o reagire alle crisi in materia ambientale e di sicurezza ed il progetto Galileo, che rappresenta il sistema europeo di navigazione satellitare.
Ad oggi l'attività spaziale rappresenta pertanto una componente importante delle strategie di ammodernamento, sviluppo e crescita economica e culturale del nostro Paese e del mondo.

Salta il menu dei Contenuti del sito

Pagina a cura di:
Direzione Generale per il Coordinamento, la Promozione e la Valorizzazione della Ricerca - Ufficio VIII
Via M. Carcani, n. 61 – 00153 Roma
Indirizzo di PEC: dgric@postacert.istruzione.it – E-mail: dgric.ufficio8@miur.it
Tel. 06 5849 7050 - C.F.: 80185250588
Privacy