Ricerca Internazionale

Salta menu Navigazione principale Salta il Motore di Ricerca Interno

CIRA – CENTRO ITALIANO RICERCHE AEROSPAZIALI

La storia del CIRA (Centro Italiano Ricerche Aerospaziali) è strettamente intrecciata con quella del PRORA (PROgramma nazionale di Ricerche Aerospaziali), entrambi voluti dallo Stato Italiano con apposite delibere e leggi.
Tutto comincia il 20 luglio 1979, quando lo Stato Italiano, con delibera CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), creò il PRORA, con l'obiettivo di dotarsi di infrastrutture di ricerca e di competenze altamente qualificate per favorire la crescita di competitività del sistema paese in un settore altamente strategico come quello aerospaziale.

Il CIRA nasce invece nel luglio 1984 come società consortile per azioni (tra le maggiori industrie aerospaziali italiane e la Regione Campania, tramite il Consorzio per lo sviluppo delle aree industriali di Caserta)
Nel 1989 (con Legge 89/184) la realizzazione e gestione del PRORA fu affidata alla società CIRA S.c.p.A., conosciuta più semplicemente in Italia e all'estero come CIRA o Centro Italiano Ricerche Aerospaziali.

Nel 1991 (Legge 46/91) fu definito il contributo dello Stato alle spese di gestione del programma PRORA, fissato in 40 miliardi di lire annui. Si stabilì pure che i risultati di esercizio positivi fossero accantonati per essere reinvestiti in ambito PRORA. Sempre nel 1991 furono redatte e approvate le convenzioni tra Ministero del Tesoro e CIRA per la corresponsione dei finanziamenti di cui alle leggi 184/89 e 46/91.

Nel 2000, con Decreto Interministeriale, fu approvata una proposta che prevedeva, accanto ai grandi impianti, la realizzazione di "laboratori volanti" (poi battezzati USV e FLARE).

Nel 2005, infine, venne introdotta una nuova linea programmatica, quella elicotteristica, che si affiancò a quelle già esistenti di aeronautica e spazio (D.I. del 24 marzo 2005).

In base a tali leggi e decreti attuativi (DM 305/1998 e D.I. MIUR/MEF del 3 agosto 2000) il CIRA è oggi una Società Consortile per Azioni a maggioranza pubblica (l'Agenzia Spaziale Italiana, la Regione Campania e il Consiglio Nazionale delle Ricerche detengono il 68% delle azioni, mentre la restante parte delle azioni è posseduta dalle principali industrie aerospaziali italiane).
In termini economici, lo Stato Italiano ha investito nel PRORA - dalla nascita ad oggi - circa un miliardo di euro in infrastrutture di ricerca e in crescita di competenze uniche al mondo, un patrimonio prezioso di proprietà dello Stato gestito e manutenuto dal CIRA stesso con un contributo statale annuo pari a 24,2 milioni di euro (così fissato nella Legge finanziaria 2008).

In particolare, sono stati realizzati tre impianti unici al mondo per prestazioni: il LISA, dedicato alle prove di impatto per migliorare la sopravvivenza in caso di crash di aerei ed elicotteri; il PWT, che permette di simulare le condizioni estreme che si verificano al rientro dei veicoli spaziali nell'atmosfera e l'IWT, che consente di verificare le condizioni di formazione di ghiaccio sulle superfici degli aeromobili per prevenirle, migliorando la sicurezza del volo. Per la loro unicità e le competenze acquisite dal CIRA, giungono ormai da tutto il mondo richieste di utilizzo per effettuazione di test in questi impianti.
Da sottolineare che i risultati di esercizio positivi ottenuti anche grazie alle attività svolte al CIRA per conto terzi (nel 2009 pari a circa 7 milioni di euro) sono accantonati e reinvestiti, andando ulteriormente ad incrementare il patrimonio dello Stato nel PRORA.


Per maggiori informazioni visitare il sito: www.cira.it

Salta il menu dei Contenuti del sito

Pagina a cura di:
Direzione Generale per il Coordinamento, la Promozione e la Valorizzazione della Ricerca - Ufficio VIII
Via M. Carcani, n. 61 – 00153 Roma
Indirizzo di PEC: dgric@postacert.istruzione.it – E-mail: dgric.ufficio8@miur.it
Tel. 06 5849 7050 - C.F.: 80185250588
Privacy