Ricerca Internazionale

Salta menu Navigazione principale Salta il Motore di Ricerca Interno

JPI su Patrimonio Culturale e Cambiamenti Globali

La JPI Cultural Heritage, iniziativa di programmazione congiunta su Patrimonio Culturale e Cambiamenti Globali (sito internet: http://jpi-ch.eu/) è stata lanciata nel dicembre 2010 dal Consiglio dell'Unione Europea.
Il Patrimonio culturale europeo è il più vario e ricco del mondo e attrae ogni anno milioni di visitatori. Esso è una componente importante dell'identità individuale e collettiva. In entrambe le sue forme, materiali e immateriali, contribuisce alla coesione dell'Unione Europea e svolge un ruolo fondamentale nel processo di integrazione europea, attraverso la creazione di legami tra i cittadini. 
Oltre al naturale invecchiamento, il patrimonio culturale europeo è esposto a molte minacce, tra cui i cambiamenti climatici e l'inquinamento, la crescente urbanizzazione, il turismo di massa, la negligenza umana, atti di vandalismo e di terrorismo. La tutela del patrimonio culturale di fronte al cambiamento globale sta diventando così una delle principali preoccupazioni per i decisori politici, le parti interessate e i cittadini Europei.
La ricerca di strategie, metodologie e strumenti condivisi è quindi necessaria per la salvaguardia del patrimonio culturale, contro il decadimento a cui è sottoposto continuamente.
L'obiettivo della JPI CH è affrontare al meglio le principali sfide sociali legate a questo tema e in particolare di:

  • investigare il rapporto tra patrimonio culturale tangibile (cioè città storiche, paesaggio storico, siti archeologici, antichi palazzi, collezioni museali, archivi e biblioteche) e mutamenti climatici, che costituiscono uno dei più importanti fattori di cambiamento futuro per le comunità;
  • approfondire le questioni legate alla tutela e alla sicurezza del patrimonio culturale;
  • studiare la relazione tra la protezione del patrimonio culturale e il suo utilizzo da parte della società

Per maggiori informazioni sulle aree di ricerca e sulle attività della JPI CH si invita a consultare il seguente documento: Agenda di Ricerca strategica, scaricabile dal seguente link:  http://jpi-ch.eu/about-us-2/strategic-research-agenda/

BANDO 2023         

Rettifica avviso integrativo

Il Belmont Forum e le Joint Programming Initiatives Connecting Climate Knowledge for Europe (JPI Climate) e Cultural Heritage and Global Change (JPI CH) hanno pubblicato, il 26 aprile 2023, il nuovo bando per una Collaborative Research Action (CRA) sul tema Climate and Cultural Heritage, per promuovere la collaborazione tra le comunità di ricerca in diverse regioni e contribuire ai progressi della conoscenza e al cambiamento delle politiche a livello globale.

I candidati sono invitati a presentare proposte di ricerca che affrontino almeno uno dei tre temi del bando:

  1. The Impact of Climate Change on Cultural Heritage;
  2. Cultural Heritage as a Resource for Climate Mitigation and Adaptation;
  3. Sustainable Solutions for Heritage.

Il bando è articolato in una sola fase, con la presentazione di full proposal entro l' 8 settembre, H 20:00 UTC. I dettagli del bando e il processo di candidatura sono forniti tramite il portale di candidatura bfgo.org.  

Si evidenzia che l'8 settembre 2023 H 20.00, rappresenta il termine ultimo tassativo per inviare sia la full-proposal internazionale attraverso il sito https://bfgo.org, che la domanda nazionale al MUR tramite la piattaforma web https://banditransnazionali-miur.cineca.it.

Le istruzioni relative alle modalità di presentazione delle proposte, all'ammissibilità e ai criteri di valutazione e tutte le altre informazioni pertinenti sono disponibili sul sito https://belmontforum.org/cras#cch2023.

INFO DAYS

  • ll 16 maggio 2023 alle ore 10 è stato organizzato dal segretariato internazionale della call un webinar informativo per i potenziali candidati. A breve si fornirà il link per accedere al webinar.

Finanziamento:
Il MUR ha impegnato, per il bando "Collaborative Research Action (CRA) Climate & Cultural Heritage (CCH) 2023" 2 M€ di fondi nazionali nella forma del contributo a fondo perduto destinati a progetti nei quali il capofila degli italiani (Principal Investigator) è guidato da un giovane ricercatore, under 40. 

Per il finanziamento dei progetti presentati dai proponenti italiani il MUR interviene fino ad un importo massimo per singolo progetto ritenuto ammissibile, indipendentemente dal numero dei partner italiani coinvolti, pari a Euro 300.000,00.

Si ricorda che i partner italiani devono obbligatoriamente presentare una domanda nazionale integrativa tramite la piattaforma https://banditransnazionali-miur.cineca.it entro la stessa scadenza del bando internazionale, 8 settembre 2023 alle ore 20.00 (UTC). La domanda si compone di una domanda vera e propria, predisposta automaticamente dalla piattaforma sulla base di una serie di dati da inserire on line e da alcuni allegati che saranno indicati dalla piattaforma stessa.

La mancata presentazione, entro la scadenza prefissata, della domanda nazionale integrativa, debitamente firmata dal legale rappresentante o da un suo delegato è causa di inammissibilità al finanziamento.

I criteri di eleggibilità validi per i partner italiani (in aggiunta ai criteri internazionali validi per tutti i partner) e le modalità di finanziamento sono pubblicati sull' Avviso integrativo nazionale  E' inoltre possibile reperire le principali informazioni nel Funding Annex B allegato al bando internazionale.

La normativa nazionale applicabile può essere scaricata dalla sezione "Supporto" della piattaforma informatica e consta di:

  • DL 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla Legge 7 agosto 2012, n. 134, articoli 60, 61, 62 e 63 di cui al Titolo III, Capo IX "Misure per la ricerca scientifica e tecnologica"
  • DM n. 1314 del 14 dicembre 2021 - Nuovo sistema di concessione delle agevolazioni del MUR alle attività di ricerca
  • DM  n. 1368 del 24 dicembre 2021 - Modificazioni all'articolo 15 del decreto n. 1314 del 14 dicembre 2021
  • Procedure operative per il finanziamento dei progetti internazionali
  • Guida utente (per l'uso della piattaforma informatica)
  • FAQ

Per l'invio di richieste di chiarimento e informazioni sulle procedure internazionali, si prega di contattare il segretariato internazionale del bando all'indirizzo cultural-heritage-climate-2023@ anr.fr  e cch@nwo.nl; e/o , per richieste di chiarimento e informazioni sulle procedure nazionali i rispettivi punti di contato del MUR, aldo.covello@mur.gov.it; yasmine.iollo@est.mur.gov.it.

 

BANDI CHIUSI
A partire dal 2013, la JPI CH ha lanciato i 4 seguenti bandi internazionali, a cui il MIUR ha aderito come ente finanziatore:

2019: JPICH Conservation, Protection and Use Call. Sono stati ammessi al finanziamento 10 progetti a partecipazione italiana; SHIELD, WOODPDLAKE, F-ATLAS, PROCRAFT, PHE, CURBATHERI, EHEM, StAr, IRIS, CRYSTINART.

Eleggibilità partner italiani bando 2019

2017: Heritage in Changing Environments Call. Sono stati ammessi al finanziamento due progetti a partecipazione italiana: CONSECH20 e HOMEE.
Eleggibilità partner italiani bando 2017

2014: Heritage Plus Joint Call. Sono stati ammessi al finanziamento 10 progetti a partecipazione italiana: Gastrocert, Endow, Euwater, CMOP, CHT2, Clima, Prothego, Heat, Changes, Heuright14. Link al sito del bando:       http://www.jpi-culturalheritage.eu/joint-activities/joint-call/


2013: First Pilot Call - Progetto JHEP. Sono stati ammessi al finanziamento 6 progetti a partecipazione italiana: ARCO, EMERISDA, KISADAMA, LEADART, SMART-VALUE, TANGIBLE. Link al sito del bando:     http://www.jpi-culturalheritage.eu/joint-activities/first-pilot-call/

Le iniziative ERANET Plus  e CSA legate alla JPI CH sono Heritage Plus e JHEP2. Per maggiori informazioni si rimanda alle relative sezioni di questo sito.
_______________________________________________________
Pagina a cura di:
Ing. Aldo Covello -  tel: (+39) 06 5849 6465 e-mail: aldo.covello@miur.it
Dott.ssa Yasmine Iollo - tel: (+39) 06 5849 7404 e-mail: yasmine.iollo@est.miur.it

 

 

 

 

Salta il menu dei Contenuti del sito

Pagina a cura di:
Direzione generale dell’internazionalizzazione e della comunicazione - Ufficio III
Largo Antonio Ruberti n. 1 – 00153 Roma
Privacy