Ricerca Internazionale

Salta menu Navigazione principale Salta il Motore di Ricerca Interno

ECSEL

L'Iniziativa Tecnologica Congiunta ECSEL (Electronics Components and Systems for European Leadership) è stata il pilastro portante della strategia industriale dell'UE nel campo dell'elettronica, intesa a invertire la tendenza alla contrazione delle quote di mercato della produzione europea, creare nei sette anni in cui è stata in attività 250.000 nuovi posti di lavoro nel settore e rastrellare oltre 100 miliardi di euro di investimenti privati supplementari nell'innovazione e nella produzione di questo comparto.
ECSEL è stata la naturale evoluzione delle precedenti JTI ARTEMIS ed ENIAC con l'aggiunta delle tematiche di interesse della piattaforma tecnologica europea EPOSS.

Il 31 dicembre 2020, ECSEL ha concluso la propria vita operativa e, d'ora in poi, continuerà soltanto la gestione dei progetti finanziati nei suoi sette anni di esistenza.

La Commissione europea, gli Stati membri e le Associazioni industriali che hanno dato vita ad ECSEL stanno preparando un nuovo programma, denominato Key Digital Technologies (KDT) che dovrà continuare le attività di ECSEL sino al 2027.

 
Gli obiettivi principali perseguiti da ECSEL sono stati:

  • contribuire allo sviluppo di un'industria forte e competitiva a livello mondiale nel settore dei componenti e dei sistemi elettronici nell'Unione;
  • garantire la disponibilità di componenti e sistemi elettronici sui principali mercati, in risposta alle molteplici sfide della società e nell'intento di mantenere l'Europa all'avanguardia dello sviluppo tecnologico, colmando il divario tra ricerca e sviluppo commerciale, rafforzando le capacità di innovazione e stimolando la crescita economica e occupazionale nell'Unione;
  • armonizzare le strategie degli Stati membri in modo da attrarre investimenti privati e contribuire al risanamento della finanza pubblica evitando inutili duplicazioni e frammentazione degli sforzi, nonché agevolando la partecipazione di quanti sono impegnati nella ricerca e nell'innovazione;
  • mantenere e incrementare la capacità di fabbricazione di semiconduttori e sistemi intelligenti in Europa, assicurando la leadership anche in termini di mezzi di produzione e di lavorazione dei materiali;
  • occupare una posizione di punta nella progettazione e nell'ingegneria di sistemi, comprese le tecnologie incorporate;
  • offrire a tutti gli operatori interessati l'accesso a un'infrastruttura di livello mondiale per la progettazione e la fabbricazione di componenti elettronici e di sistemi incorporati e intelligenti;
  • creare un ecosistema dinamico comprendente piccole e medie imprese (PMI) innovative, consolidare i cluster esistenti e promuovere la creazione di nuovi cluster in nuovi settori promettenti.

ECSEL è implementata tramite l'omonima l'Impresa Comune (JU) che è stata costituita con decisione del Consiglio europeo del 6 maggio 2014. I membri fondatori della JU sono la Commissione Europea, gli Stati membri o associati che ne hanno fatto richiesta (tra cui l'Italia) e le associazioni industriali no profit ARTEMISIA, AENEAS ed EPOSS che riuniscono tutti i soggetti industriali europei che ne fanno richiesta.

La JU ECSEL ha definito un Programma strategico pluriennale di ricerca ( MASP) da cui è stato derivato, anno dopo anno, il Programma di lavoro annuale ( Work Plan) che ha definito le tematiche di ricerca da supportare con i bandi annuali.
I progetti selezionati tramite bandi pubblici annuali sono stati cofinanziati dagli Stati membri e dalla Commissione europea secondo un rapporto medio complessivo 1:1, per ogni euro investito dagli Stati membri, la Commissione aggiunge un altro euro dai fondi di Horizon 2020. 

Bando 2020

Nel 2020 la JU ECSEL ha pubblicato un bando suddiviso nelle tre sezioni ECSEL-2020-1-IA, ECSEL-2020-2-RIA ed ECSEL-2020-3-RIA IMI-ECSEL.
Il MIUR ha impegnato un budget pari a 2,5 milioni di euro, nella forma di finanziamento in contributo alla spesa (fondo perduto) a valere sul fondo FIRST, successivamente incrementato a 2.832 milioni di euro, per le sezioni ECSEL-2020-2-RIA ed ECSEL-2020-3-RIA IMI-ECSEL. Il bando ECSEL-2020-1-IA è stato finanziato dal MISE

I progetti a partecipazione italiana ammessi al finanziamento sono:

  • Bando RIA (fondi MIUR FIRST): AI4CSM, AIDOaRt, AI-TWILIGHT, HiEFFICIENT, IMOCO4.E YESvGaN ,
  • Bando RIA-IMI-ECSEL: nessun progetto ha superato la valutazione scientifica
  • Bando IA (fondi MISE): Energy ECS, GaN4AP, StorAIge, TRANSFORM

Eleggibilità nazionale 2020

Bandi 2019 

Nel 2019 la JU ECSEL ha pubblicato i bandi ECSEL-2019-1-IA ed ECSEL-2019-2-RIA, quest'ultimo era suddiviso in tre sezioni distinte.
Il MIUR ha impegnato in via prioritaria per il bando ECSEL-2018-2-RIA e, in subordine, per il bando ECSEL-2018-1-IA un budget pari a 2,5 milioni di euro, nella forma di finanziamento in contributo alla spesa (fondo perduto) a valere sul fondo FIRST.
I progetti a partecipazione italiana ammessi al finanziamento sono:

  • Bando RIA (fondi MIUR FIRST): ADACORSA, BRAINE, FRACTAL, NextPerception, PROGRESSUS e VALU3S
  • Bando IA (fondi MISE): CHARM, InSecTT, iRel40 E Moore4Medical

Eleggibilità nazionale 2019

Bandi 2018

Nel 2018 la JU ECSEL ha pubblicato i bandi ECSEL-2018-1-IA ed ECSEL-2018-2-RIA.
Il MIUR, nell'ottica di una sinergia tra fondi nazionali e fondi PON, ha impegnato in via prioritaria per il bando ECSEL-2018-2-RIA e, in subordine, per il bando ECSEL-2018-1-IA

  • un budget pari a 2 milioni di euro, nella forma di finanziamento in contributo alla spesa (fondo perduto) a valere sul fondo FIRST
  • un budget pari a 5 milioni di euro a valere sui fondi del Programma Operativo Nazionale (PON) Ricerca e Innovazione 2014 - 2020 - Azione II.3 cofinanziata dal FERS, utilizzabili soltanto per partecipanti localizzati (nel rispetto della normativa per l'utilizzo delle risorse del PON) nelle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna). 

Il Ministero per lo Sviluppo Economico ha riservato un budget di 15 milioni di euro per il bando ECSEL-2018-1-IA.

I progetti a partecipazione italiana ammessi al finanziamento sono:

  • Bando RIA (fondi MIUR FIRST e FESR): AI4DI, COMP4DRONES, HELIAUS, New Control e Ultimate GaN.
  • Bando IA (fondi MISE): Arrowhead Tools, MADEIN4. (un terzo progetto, CPS4EU, è in una lista di riserva)

Bandi 2017

Nel 2017 la JU ECSEL ha pubblicato i bandi ECSEL-2017-1-IA ed ECSEL-2017-2-RIA.
Il MIUR, nell'ottica di una sinergia tra fondi nazionali e fondi PON, ha impegnato in via prioritaria per il bando ECSEL-2017-2-RIA e, in subordine, per il bando ECSEL-2017-1-IA

  • un budget pari a 2,4 milioni di euro, nella forma di finanziamento in contributo alla spesa (fondo perduto) e 5 milioni nella forma di credito agevolato a valere sul fondo FIRST
  • un budget pari a 15 milioni di euro a valere sui fondi del Programma Operativo Nazionale (PON) Ricerca e Innovazione 2014 - 2020 - Azione II.3 cofinanziata dal FERS,  utilizzabili soltanto per partecipanti localizzati (nel rispetto della normativa per l'utilizzo delle risorse del PON) nelle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna). 

Il Ministero per lo Sviluppo Economico ha riservato un budget di 10 milioni di euro per il bando  ECSEL-2016-2-IA mentre le Regioni Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Sicilia hanno impegnato un budget pari a 1,1 milioni di euro.

I progetti a partecipazione italiana ammessi al finanziamento sono:

  • Bando RIA (fondi MIUR FIRST/FAR e FESR): PRYSTINE, FITOPTIVIS, AFarCloud, 5G_GaN2, HIPERFORM e SECREDAS
  • Bando IA (fondi MIUR FESR e fondi MISE e Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Sicilia): REACTION
  • Bando IA (fondi MIUR FAR): iDev40

Documenti di riferimento bandi 2017:

Bandi 2016

Nel 2016 la JU ECSEL ha pubblicato i bandi, ECSEL-2016-1-RIA ed ECSEL-2016-2-IA.
Il MIUR, nell'ottica di una sinergia tra fondi nazionali e fondi PON, ha impegnato in via prioritaria per il bando ECSEL-2016-1-RIA e, in subordine, per il bando ECSEL-2016-2-IA:

  • un budget pari a 2,5 milioni di euro, nella forma di contributo alla spesa (fondo perduto) e 5 milioni nella forma di credito agevolato a valere sul fondo FIRST
  • un budget pari a 15 milioni di euro a valere sui fondi del Programma Operativo Nazionale (PON) Ricerca e Innovazione 2014 - 2020 - Azione II.3 cofinanziata dal FERS,  utilizzabili soltanto per partecipanti localizzati (nel rispetto della normativa per l'utilizzo delle risorse del PON) nelle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna).

Il Ministero per lo Sviluppo Economico ha riservato un budget di 16 milioni di euro per il bando  ECSEL-2016-2-IA, mentre la Regione Lombardia ha impegnato un budget pari a 1,6 milioni di euro.

I progetti a partecipazione italiana ammessi al finanziamento sono:

  • Bando RIA (fondi FIRST e FESR): CONNECT, AQUAS, I-MECH, MegaMarRt2, TARANTO, WInSiC4AP
  • Bando IA (solo fondi FESR): Productive4.0, Autodrive
  • Bando IA (fondi MISE e Regione Lombardia): R3-PowerUP

Documenti di riferimento bandi 2016:

Bandi 2015

Nel 2015 sono stati pubblicati i bandi ECSEL-2015-1-RIA ed ECSEL-2015-2-IA
Il MIUR ha impegnato ha impegnato in via prioritaria per il bando ECSEL-2015-1-RIA e, in subordine, per il bando ECSEL-2015-2-IA un budget pari a 2,5 milioni di euro, nella forma di contributo alla spesa (fondo perduto) e 5 milioni nella forma di credito agevolato.
I progetti a partecipazione italiana ammessi al finanziamento sono:

  • Bando RIA: AMASS, ASTONISH, SafeCOP
  • Bando IA: ENABLE-S3, SemI40

Documenti di riferimento bandi 2015:

Bandi 2014

Nel 2014 sono stati pubblicati i bandi ECSEL-2014-1-RIA ed ECSEL-2014-2-IA
Il MIUR ha impegnato 4 milioni di euro, nella forma di contributo alla spesa (fondo perduto) e 8 milioni nella forma di credito agevolato.
I progetti a partecipazione italiana ammessi al finanziamento sono:

  • Bando RIA: 3Ccar, MANTIS, RobustSENSE, SWARMs
  • Bando IA: ADMONT, PowerBase, R2POWER300

Documenti di riferimento bandi 2014:

__________________________
Responsabili MUR
Aspetti di natura internazionale:
Ing. Aldo Covello
Ufficio VIII della Direzione Generale per il coordinamento, la promozione  e la valorizzazione della ricerca
Delegato MIUR nel Governing Board e Public Authorities Board di ECSEL
e-mail: aldo.covello@miur.it.
tel. 06 9772 6465

Aspetti di natura nazionale:
Dott. Vincenzo Di Marco
Ufficio II della Direzione Generale per il coordinamento, la promozione  e la valorizzazione della ricerca
Responsabile del Procedimento Istruttorio
e-mail: vincenzo.dimarco@miur.it
tel. 06 9772 7727

 

 

Salta il menu dei Contenuti del sito

Pagina a cura di:
Direzione Generale per il Coordinamento, la Promozione e la Valorizzazione della Ricerca - Ufficio VIII
Via M. Carcani, n. 61 – 00153 Roma
Indirizzo di PEC: dgric@postacert.istruzione.it – E-mail: dgric.ufficio8@miur.it
Tel. 06 5849 7050 - C.F.: 80185250588
Privacy