Ricerca Internazionale

Salta menu Navigazione principale Salta il Motore di Ricerca Interno

Key Digital Technologies

L'Impresa comune Key Digital Technologies (KTD JU), istituita con il Regolamento (EU) 2021/2085 del Consiglio del 19 novembre 2021, mira a rafforzare il potenziale di innovazione dell'Europa attraverso il contributo di componenti e sistemi elettronici, compresi microsistemi, tecnologie software, sottoinsiemi e sistemi di sistemi che forniscono tecnologie sicure e affidabili alle catene del valore strategiche. In particolare essa ha i seguenti tre obiettivi generali:

  • rafforzare l'autonomia strategica dell'Unione in componenti e sistemi elettronici per sostenere le esigenze future delle industrie verticali e dell'economia in generale. L'obiettivo generale è contribuire a raddoppiare il valore della progettazione e produzione di componenti e sistemi elettronici in Europa entro il 2030, in linea con il peso dell'Unione in termini di prodotti e servizi;
  • stabilire l'eccellenza scientifica e la leadership nell'innovazione dell'Unione in relazione a tecnologie emergenti per componenti e sistemi, anche per quanto riguarda attività relative a livelli inferiori di maturità tecnologica, nonché promuovere il coinvolgimento attivo delle PMI, che rappresentano almeno un terzo del numero totale di partecipanti ad azioni indirette e almeno il 20 % del finanziamento pubblico dovrebbe essere destinato a loro favore;
  • garantire che le tecnologie per componenti e sistemi affrontino le sfide sociali e ambientali dell'Europa. L'obiettivo è conseguire un allineamento con la politica dell'Unione in materia di efficienza energetica e contribuire alla riduzione del consumo di energia del 32,5 % nel 2030.

E i seguenti obiettivi specifici:

  • sostenere la ricerca e lo sviluppo al fine di stabilire capacità di progettazione e produzione in Europa per settori strategici di applicazione;
  • avviare un portafoglio equilibrato di progetti di grandi e piccole dimensioni a sostegno di un trasferimento rapido delle tecnologie dalla ricerca all'ambiente industriale;
  • promuovere un ecosistema dinamico a livello di Unione basato su catene di valore digitali con accesso semplificato per i nuovi entranti;
  • sostenere la ricerca e lo sviluppo al fine di potenziare le tecnologie di componenti che garantiscono sicurezza, fiducia ed efficienza energetica per le infrastrutture e i settori critici in Europa;
  • promuovere la mobilitazione di risorse nazionali e garantire il coordinamento dei programmi di ricerca e innovazione a livello di Unione e nazionale nel settore dei componenti e dei sistemi elettronici;
  • stabilire coerenza tra l'agenda strategica di ricerca e innovazione dell'impresa comune «Tecnologie digitali fondamentali» e le politiche dell'Unione affinché le tecnologie di componenti e sistemi elettronici contribuiscano in maniera efficiente.

La partnership KDT JU si basa altresì sulla precedente impresa comune Electronic Components and Systems for European Leadership (ECSEL), che è stata istituita nel 2014 con l'obiettivo di mantenere l'Europa all'avanguardia nello sviluppo tecnologico nell'elettronica e che ha concluso le sue attività alla fine del 2020.

KTD avrà un budget di oltre 6 miliardi di euro per il settennio 2021-2027, di cui 1,8 miliardi di euro di fondi europeo ed altrettanti messi a disposizione dagli Stati membri. L'industria, le organizzazioni di ricerca e il mondo accademico contribuiranno, invece, con circa 2,5 miliardi di euro.

Bandi 2023

A febbraio 2023 la JU KDT ha pubblicato i seguenti bandi finanziati dal MUR:

HORIZON-KDT-JU-2023-2 RIA 

  • HORIZON-KDT-JU-2023-2-RIA-Topic-1- Global call according to SRIA 2023 (RIA)
  • HORIZON-KDT-JU-2023-2-RIA - Focus Topic 2- Focus Topic on Hardware abstraction layer for a European Vehicle Operating System (RIA)

La prima fase dei bandi è stata recentemente completata e i seguenti progetti con partner richiedenti fondi al MUR sono stati ammessi alla seconda fase del bando: HAL4SDV, AIDOSec, ATHENA, Cynergy4MIE, DistriMuSe, DOMES, RELIANCE, MATISSE, NextWare, RE-Comp, RIBL e ShapeFuture.

I consorzi partecipanti a queste proposte devono presentare la Full Proposal alla JU KDT entro la scadenza del bando internazionale il 19 settembre 2023 alle ore 17.00.

I partner italiani che intendono richiedere un finanziamento al MUR devono obbligatoriamente presentare una domanda nazionale integrativa tramite la piattaforma https://banditransnazionali-miur.cineca.it  entro e non oltre il 26 settembre 2023 alle ore 17.00 CESTLa mancata presentazione, entro la scadenza prefissata, della domanda nazionale integrativa, debitamente firmata dal legale rappresentante o da un suo delegato è causa di inammissibilità al finanziamento.

Il MUR ha messo a disposizione di questi bandi un budget complessivo di 4 milioni di euro.

Il finanziamento massimo richiedibile dai partner italiani partecipanti al bando HORIZON-KDT-JU-2023-2-RIA-Topic-1 è pari ad € 1.500.000 mentre il limite massimo per il bando HORIZON-KDT-JU-2023-2-RIA - Focus Topic 2 è pari ad € 2.500.000.

I criteri di eleggibilità e le regole di finanziamento nazionali sono riportate nell'Avviso integrativo internazionale

 

Bandi 2022

Il bando 2022 della JU KDT è stato pubblicato il 3 maggio 2022 e si è chiuso il 21 settembre 2022. A seguito di una valutazione tecnico-scientifica condotta da esperti indipendenti e della selezione finale operata dal Public Authorities Board della JU, sono stati selezionati per il finanziamento i seguenti progetti a partecipazione italiana che hanno richiesto il finanziamento al MUR:

EcoMobility - Ideas & Motion Srl, Infineon Technologies Italia Srl, Università di Pavia, Università di Modena e Reggio Emilia, 4S-Sistemi Sicuri e Sostenibili Srl, Interactive Fully Electrical Vehicles Srl

NerveRepack - Politecnico di Torino, PBL Srl, Omnidermal Biomedics Srl

ARCHIMEDES - STMicroelectronics Srl, ICTLAB Srl, Ideas & Motion Srl

EECONE - Università di Perugia, Luna Geber Engineering Srl, Nero su Bianco Srl, Interactive Fully Electrical Vehicles Srl, Leonardo SpA

NEUROKIT2E - Università di Messina, Deepsensing Srl, High Technology Systems HTS Srl, STMicroelectronics Srl, Università di Catania, Università di Palermo.

I criteri di eleggibilità validi per i partner italiani richiedenti fondi al MUR (in aggiunta ai criteri internazionali validi per tutti i partner) e le modalità di finanziamento sono stati pubblicati sull'  Avviso integrativo nazionale e sull'allegato italiano al   WP 2022 di KDT.

I risultati della valutazione dell'eleggibilità dei partner che hanno richiesto fondi al MUR sono consultabili qui.

Bando 2021

Il primo bando della JU KDT è stato pubblicato il 16 dicembre 2021 e si è chiuso il 27 aprile 2022. A seguito di una valutazione tecnico-scientifica condotta da esperti indipendenti e della selezione finale operata dal Public Authorities Board della JU, sono stati selezionati per il finanziamento i seguenti progetti a partecipazione italiana che hanno richiesto il finanziamento al MUR:

CLEVER - Scuola Superiore Sant'Anna, CNIT, Italtel SpA, Agricolus Srl

REBECCA - Intecs Solutions, Politecnico di Torino

A-IQ Ready - Ideas & Motion Srl, Tekne Srl, Politecnico di Torino, Università di Modena e Reggio Emilia

HiCONNECTS - HORSA SpA, Politecnico di Milano e Active Technologies Srl

PowerizeD - Infineon Technologies Italia Srl, Università di Bologna, Serigroup Srl, E-Lectra Srl

SHIFT - STMicroelectronics Srl, Università di Pavia

OPEVA - Università di Perugia, Università di Parma, Flash Battery Srl, Luna Geber Engineering Srl, Alke' Srl

I criteri di eleggibilità validi per i partner italiani richiedenti fondi al MUR (in aggiunta ai criteri internazionali validi per tutti i partner) e le modalità di finanziamento sono stati pubblicati sull'  avviso integrativo nazionale e sull'allegato italiano al WP 2021 di KDT.

I risultati della valutazione dell'eleggibilità dei partner che hanno richiesto fondi al MUR sono consultabili qui.

Persone di contatto:

Aldo Covello: aldo.covello@mur.gov.it

Irene Guglielmo: irene.guglielmo@mur.gov.it

 

 

Salta il menu dei Contenuti del sito

Pagina a cura di:
Direzione generale dell’internazionalizzazione e della comunicazione - Ufficio III
Largo Antonio Ruberti n. 1 – 00153 Roma
Privacy